[Recensione]: Fujifilm Finepix s2950HD


Quella che vi presento oggi, è la recensione sulla mia nuova fotocamera digitale: la fujifilm finepix s2950HD.

Ecco le specifiche tecniche di questa fotocamera:

Fotocamera Fujifilm FinePix S2950HD
Pixel effettivi 14 Megapixel
Sensore 1/2.3″ CCD
Zoom Ottico: 18X, Digitale: 6.7X (circa fino a 120X)
Formato file
Immagini
JPEG (Exif Ver 2.3 )
Filmati
AVI (Motion JPEG )
Suoni
WAVE
Grandezza immagini
L : (4:3) 4288 x 3216 / (3:2) 4288 x 2864 / (16:9) 4288 x 2416
M : (4:3) 3072 x 2304 / (3:2) 3072 x 2048 / (16:9) 3072 x 1728
S : (4:3) 2048 x 1536 / (3:2) 2048 x 1360 / (16:9) 1920 x 1080
Obiettivo
Nome
Fujinon 18x optical zoom lens
Lunghezza focale
f=5.0 – 90.0 mm,equivalente a 28 – 504mm su macchina da 35 mm
Apertura massima
F3.1(Wide) – F5.6 (Telephoto)
Costituzione
11 gruppi 14 lenti
Apertura F3.1 / F6.4(Wide)
F5.6 / F11(Telephoto) con filtro ND
Distanza Autofocus
Normale
  • Wide : Approx. 40cm / 1.3ft. fino infinito
  • Telephoto : Approx. 2.5m / 8.2ft. fino infinito
Macro
  • Wide : Approx. 5cm – 3m / 2.0in. – 9.8ft.
  • Telephoto : Approx. 1.8m – 3m / 5.9ft. – 9.8ft.
Super Macro
  • Approx. 2cm – 1.0m / 0.8in. – 3.3ft.
Sensibilità ISO Auto,  ISO 64 / 100 / 200 / 400 / 800 / 1600 / 3200* / 6400*

  • * ISO3200/6400 è effettivo in formato S.
Esposimetro TTL 256-zone ; Spot, Multi, Medium
Modalità Esposizione Programmata AE, Priorità scatto AE, Priorità apertura AE, Manuale
Stabilizzazione Meccanica
Face detection Si
Velocità scatto Da 8″ a 1/2000 di secondo

Dopo questa bella tabella riassuntiva, veniamo alla prova tecnica:


Questa fotocamera è veramente comoda e maneggevole, la confezione contiene gia tutto l’occorrente per essere pronti a scattare foto, ovvero:

  • Fotocamera
  • Laccio per appendere la fotocamera al collo
  • Copri obiettivo
  • 4 Batterie AA Alcaline

Soffermandoci proprio sulle batterie, posso dirvi che ci sono andato 8 giorni con quelle incluse nella confezione scattando foto ogni giorno, purtroppo però la fotocamera non indica il livello di batteria, ma solamente quando è quasi scarica, perciò portate sempre con voi delle batterie di riserva.

Per risparmiare ulteriormente le batterie, questa fotocamera bridge è dotata di mirino elettronico con memorizzazione delle impostazioni… ovvero per ogni impostazione settata dalla griglia superiore (quella per scegliere la modalità di scatto) la fotocamera ricorda le ultime impostazioni, se l’avete usata con mirino o display, e mantiene lo zoom impostato  allo stesso valore in cui è.

Parlando di zoom invece, questa caratteristica ci stupirà… a km di distanza sono riuscito ad avvicinare una piattaforma in acqua come se fosse a 2 passi da me: (foto)

   

Notate nella prima foto dove mi trovo e dove sta la piattaforma, e guardate nella seconda foto come si vede a zoom 18X.. purtroppo con lo zoom c’è piu rischio di foto mosse come infatti si può notare…possiamo però dire, in difesa della fotocamera, che il mare non è completamente fermo quindi un minimo di mosso c’è sempre.

Vediamo ora la qualità delle foto scattate con questa fotocamera.. (foto)

       

Come possiamo vedere le foto sono tutte ben esposte, proviamo a commentarle insieme:

  • Nella prima foto possiamo vedere una messa a fuoco su infinito con fotocamera in modalità SR AUTO (scena automatica), si nota subito la mancanza di un copriluce sull’obiettivo, ma essendo una bridge e quindi non potendo cambiare l’obiettivo è piuttosto normale.
  • Nella seconda foto ho voluto sperimentare in modalità P (impostazioni programmate) la modalità SUPER-MACRO da 2cm, come possiamo vedere l’effetto e strabiliante.
  • Nella terza foto la messa a fuoco è sempre su infinito come la prima, ma lo scatto è fatto in modalità M (manuale) scegliendo i parametri singolarmente e con un ISO 64.
  • La quarta foto mi permetto di dire che è un capolavoro, rende un effetto veramente stupendo. E’ stata realizzata sempre in modalità manuale ma con fotometria SPOT per illuminare e focalizzare anche i fiori vicini oltre allo sfondo, è stato usato un cavalletto e una modalità di scatto presente nelle scene che scatta 3 foto identiche: 1 sotto esposta, una esposta bene, ed una sovraesposta, ed infine unendola esce questo effetto chiamato HDR (High Dinamic Range).
  • L’ultima foto infine è un orma ed è realizzata con la modalità MACRO normale da 10cm.

Oltre alle foto questa fotocamera prevede anche la registrazione di filmati HD a 720p e possiede un uscita HDMI sul lato destro insieme all’uscita USB e Audio/Video Composito.

Sul lato superiore troviamo il pulsante di scatto, il joggler per lo zoom, la griglia di scelta modalità, il pulsante per lo scatto continuo e il pulsante per l’attivazione del riconoscimento facciale.

Sul lato inferiore troviamo il vano batterie (4 x AA), l’alloggio Memory Card (SD/ SDHC), e il foro per il fissaggio al cavalletto.

Sul lato frontale invece abbiamo i tasti: Macro, flash, finepix (sceglie al volo iso, e formato immagine), illuminazione display, menu, esposizione, back (torna indietro dal menu).

La disposizione è leggermente insensata ma alla fine ci si abitua.

Ma vediamo ora i difetti da me riscontrati:

  • La fotocamera è abbastanza lenta, non a scattare, ma nei menu.. quando si cambiano le impostazioni molte volte ci sono rallentamenti come se fossimo in un menu di un cellulare, ed il tempo di lavorazione di immagini con tempi di esposizioni lunghi ruba almeno quei 10 secondi di elaborazione.
  • ISO… ebbene si, l’iso anche a 64 crea sempre dei disturbi sulle foto… l’unico modo per non averlo sulle foto è evitare di illuminare zone scure tenendolo sempre a 64 o 100, e di notte usare tempi piu lunghi e la modalità manuale. Possiamo dire che fino a ISO 400 è appena percettibile, ma a 800 si nota subito.
  • Effetto acquerello a foto in dimensioni reali: purtroppo non so come può venire una stampa di 14Mpx su cartellone pubblicitario.. ma se si scatta una foto scura in macro o una foto con focus infinito e la si vede a dimensione originale, si nota che anzichè esserci i bordi contrastati, c’è un fastidioso effetto acquerello.

I difetti secondo me sono trascurabili in quanto questa fotocamera costa intorno ai 170€, la lentezza non influisce sulle foto, l’ISO un bravo fotografo sa come sfruttarlo senza rovinare le foto, e l’effetto acquerello si nota solo se fate foto per grafica pubblicitaria e le stampate su cartelloni enormi.

Riguardo i pregi possiamo ricapitore:

  • Le batterie durano moltissimo, specie se si usa il mirino e la fotocamera in modalità manuale o almeno si impostano le scene manualmente.
  • Il rilevamento dei volti funziona perfettamente.
  • Modalità manuale e mirino (non tutte le bridge li hanno).
  • Istogramma con indicazione di foto sotto/sovra-esposta.
  • Flash con regolazione di potenza da -3 a +3 (l’ho impostata la 0 e la gente si lamenta che è fortissimo ed ha molti metri di portata).
  • Modalità di fotometria SPOT che permette di illuminare i soggetti in controluce.
  • Costo (intorno ai 170€).
  • Zoom ottico 18X con stabilizzatore meccanico del sensore.

In complesso, la consiglio a tutti, mi sta dando molte soddisfazioni… Guardate le foto e il video e giudicate voi 😉



13 Commenti

  1. Enrica ha detto:

    Ciao a tutti!! 🙂 Possiedo una fujifilm s2950 da un paio di giorni ma oggi facendo delle foto mi è comparso il display nero. Posso rivedere le foto scattate precedentemente, entrare nel menù, mettere il flash, vederlo dal EVF, anche scattare le foto ma non si vede nulla e sono nere. Cos’è successo? A chi mi devo rivolgere?!? Grazie in anticipo.

    • Stefano Venneri ha detto:

      Ciao Enrica,
      cosa intendi con schermo nero? Non funziona più il display o le foto anche se passate al pc si vedono nere?

      In ognicaso devi rivolgerti al venditore se la macchina è ancora in garanzia, oppure ad un centro assistenza fujifilm..

      Se non c’è un centro assistenza nella tua città puoi chiamare il call center per le riparazioni: 0233490345 (dal lun al ven – dalle 9 alle 18.30)

      Oppure direttamente sul sito del produttore: http://www.fujifilm.it/aree/supporto/assistenza/

      • Enrica ha detto:

        Grazie 🙂 ho già risolto comunque.. Era un disfunzione di fabbrica, me l’hanno cambiata. comunque no non si vedevano nemmeno scaricandole al pc. non si sa cosa fosse, vabbè. con quest’altra per ora è tutto ok comunque. Grazie 🙂

  2. Stefano Venneri ha detto:

    Visto il “successo” dell’articolo… o meglio la curiosità degli utenti in procinto di acquistare una bridge, ho deciso che a breve farò una video-recensione di questo prodotto.

    In ogni caso fatemi sapere se ne sareste interessati…

    A breve (spero) UnPacking e Recensione Nikon D3100 Reflex.

  3. dani ha detto:

    Io ho acquistato da poco la s2950,ne arrivavo da una modesta canon sx110is,e devo dire che a parte lo zoom non ho fatto un passo avanti,anzi…e’ lentissima,si prende anche 10 secondi fra uno scatto e l’altro,scatto continuo non piu’ di 2 per volta,di notte lasciamo perdere,ho provato in tutti i modi,iso alti scatti rapidi,iso bassissimi scatti lenti ma se c’e’ un lampione o una fonte di luce..e’ bruciata,poca definizione,sono molto deluso,penso che sia ilmio modello che non va bene,mail rivenditore trova delle scuse.Non sono un fenomeno,ma sono 2 anni che scatto assiduamente e un pochino ne capisco..queltanto che basta che secondo me nn ho fatto un bell’acquisto.Lenta da farti innervosire..eheheh.Cavoli,ti danno 200 funzioni e poi non si riesce a fare 2 foto di seguito..Mah!!

    • Stefano Venneri ha detto:

      Ciao,
      concordo con te sulla lentezza della macchina.

      Purtroppo tra lo scatto e la riproduzione su schermo della foto, la macchina si ruba il suo tempo.

      E’ sempre un male secondo me passare da una bridge ad un altra, perché la qualità non cambia sulla stessa fascia di prezzo. Ad esempio se avessi voluto una migliore qualità e velocità, avresti dovuto scegliere una Fujifilm HS20 EXR secondo me.

      Riguardo invece agli scatti notturni, ti devo invece contraddire un pò perché se viene usata in manuale e non si superano i 400 ISO, i risultati sono molto buoni.

      Ad esempio per questo mio scatto, ho usato un ISO 100 e soli 5 secondi di tempo di scatto: http://photo.sv-design.org/scatti/big/DSCF0457.jpg

      Se vuoi fare un salto di qualità (e velocità) passa ad una Fuji HS20 EXR se proprio non vuoi spendere in una reflex 😉

      • dani ha detto:

        Ciao Stefano,mi sa che hai ragione tu,rimanendo nella stessa fascia di prezzo le prestazioni sono piu’ o meno le stesse.Anche in notturna la uso in manuale con iso bassi e tempi lunghi tipo qui http://www.flickr.com/photos/ilviga/6691347667/ iso 100 e 5 secondi ma non riesco ad attenuare le luci,forse sara’ che pretendo troppo.In quanto alla hs20 exr,non ci crederai,ma il mio venditore me l’ha sconsigliata in quanto ne aveva gia’ mandate 2 in assistenza in quanto malfunzionanti,eppure le recensioni erano buone.Io ero partito con l’idea di una canon sx40,l’avevo anche provata un po’,ma mi sono fatto convincere dalla s2950 per le sue dimensioni un po’ piu’ ridotte perche’ la voglio
        sempre dietro.Mi piacerebbe sapere cosa ne pensi della foto su flickr e della canon sx40,se la conosci.E’ stato un piacere scambiare opinioni.
        Ciao!

        • Stefano Venneri ha detto:

          Riguardo la HS20 ancora non è arrivata da me, quindi non so. Dalle recensioni sembra ottima. La Sx40 non la conosco, ho avuto per le mani una SX120IS… Sconsigliatissima! Ottengo risultati migliori con questa Fuji a sto punto.

          Riguardo la foto invece bisogna dire che per una Bridge di 130€, è fin troppo bella anche. Ti consiglio di usare Lightroom per la post-produzione, e quando noti in camera risultati del genere su settori precisi, di scattare un’altra foto identica sotto-esposta di un paio di stop… poi con photoshop unisci i due scatti…

          Per evitare questi lampioni anche con una reflex avresti dovuto usare un filtro ed un paraluce, ed avresti avuto sempre uno scatto da equalizzare in camera raw secondo me!

          • dani ha detto:

            Grazie per la risposta,in effetti devo contare che ho per le mani sempre una macchina economica e non si puo’ pretendere troppo!Provero’ a fare uno scatto sottoesposto e poi un po’ di postproduzione…e fra poco incomincero’ un corso base di fotografia tanto per avere un po’ di basi su questa bellissima passione che e’ la fotografia.Grazie ancora per la disponibilita’.

  4. Marco ha detto:

    Grazie Stefano dei consigli.
    Tra parentesi complimenti per la foto dell’ombrellone che trovo splendida.
    Credo che alla fine prenderò questa fuji, c’e’ anche la s3200 a poco piu’ ma credo non cambi poi un granche’ giusto?
    Ho sempre avuto il pallino della fotografia, solo ora mi decido a metterlo in atto dunque inizio dal “basso” sicuramente.
    Il tuo corso l’ho già letto e lo rileggero’ appena avro’ la macchina sottomano.
    Complimenti ancora.
    Marco
    ps: non riesco a vedere il portfolio delle tue foto. Non so se è un errore o una cosa temporanea. 🙂

    • Stefano Venneri ha detto:

      Il portfolio ancora devo finirlo 🙂

      Comunque la S3200 a differenza della S2950 ha un obiettivo poco piu grandangolare e con piu zoom (24-576mm contro i 28-504 mm della 2950), ma avendo un obiettivo poco più spinto, è anche poco meno luminoso (f/3,1-5,9 contro l’apertura f/3,1-5,6 della 2950).

      A livello tecnico invece sono identiche, buon divertimento 😉

  5. Stefano Venneri ha detto:

    Ciao Marco,
    di certo con questo budget se vuoi una macchina a comandi manuali per smanettarci, non vai oltre una fujifilm.

    Comunque sia, la macchina riesce a dare molte soddisfazioni,
    di certo però non fà foto perfette a livello di reflex.

    Considerando che il sensore di queste bridge è identico a quello delle compatte, la differenza la noti solo quando inizi ad usare la modalità manuale.

    Con una compatta non puoi bloccare i soggetti in movimento perchè il tempo di posa è dato dall’esposimetro, e non puoi fare foto notturne a lunga esposizione perché le compatte aumentano l’ISO quando incontrano il buio.

    Detto questo ti dico che io mi ci trovo bene, e di giorno specialmente fa delle foto meravigliose. Gli unici difetti sono la mancata resa ad alti ISO (data dal sensore minuscolo), scarsa nitidezza nei dettagli (notabile solo se ingrandisci le immagini), ed un po di lentezza negli scatti multipli… per il resto è perfetta prima di passare ad una reflex per imparare a gestire la modalità M senza andare in panico. 🙂

    P.S: dai un occhio anche al corso fotografico qui sul sito, scarica Adobe lightroom come software di regolazione, e ti rimando alle mie foto fatte proprio con questa bridge: http://www.photo.sv-design.org

    Ciao 😉

  6. Marco ha detto:

    Ciao, incuriosito dalla tua recensione ti farei una domanda.
    Dal momento che mi avvicino ora alla fotografia e vorrei iniziare a “smanettare” un po’ con dei comandi manuali, mi consigli questa macchina che ho trovato sui 130 euro? So benissimo che una reflex e’ tutt’altra cosa ma calcolando il prezzo mi sembra molto azzardata per me in questo momento.
    Insomma quello che vorrei è che questa fuji mi facesse notare decisamente la differenza con le classiche macchine digitali compatte automatiche.
    Non so se mi spiego.
    Grazie
    Marco

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: