[Corso di Fotografia]: 20° Lezione – Ritocco dei ritratti


Benvenuti nella ventesima ed ultima lezione del nostro corso di fotografia.

Nella lezione precedente abbiamo introdotto i programmi più utilizzati e le principali tecniche di ritocco fotografico.

In questa lezione parleremo di come trasformare una ragazza con molte imperfezioni, in una ragazza dall’estetica perfetta (ovviamente solo in photoshop).


I passi principali che affronteremo in questa lezione sono:

  • La correzione dei toni e del contrasto
  • La rimozione delle macchie
  • Lo schiarimento o il cambiamento del colore degli occhi
  • La correzione delle linee facciali
  • La levigazione della pelle

Bene, aprite una foto con il nostro caro Photoshop e seguite attentamente le istruzioni riportate di seguito.

Correzione di toni e contrasto

Apriamo la nostra immagine ed iniziamo fin da subito a modificare i toni dell’immagine per eliminare dominanti di colore, ed aumentare il contrasto nel caso non sia abbastanza accentuato nella foto.

Prima di tutto duplichiamo il livello di sfondo premendo i tasti CTRL + J (oppure Livello -> Duplica Livello), in modo da non modificare mai il livello originale.

Clicchiamo ora i tasti CTRL + M (oppure andiamo su Immagine -> Regolazioni -> Curve) per aprire la finestra di regolazione delle curve.

Nella finestra di regolazione, noteremo subito l’istogramma della foto che indica le ombre (a sinistra), i mezzi toni (al centro), e le luci (a destra).

Prendiamo i 2 cursori posti ai lati dell’istogramma e proviamo a trascinarli a destra e sinistra:

Vedrete subito i cambiamenti sul contrasto ed i colori della foto.

Inoltre cliccando sulla curva, possiamo andare a modificare in modo più avanzato le singole parti della foto.

Dopo aver modificato il contrasto a nostro piacimento, cambiamo il set di curve da RGB ad uno dei tre colori principali (Rosso, Verde, Blu) ed andiamo a correggere manualmente e per ogni colore (come abbiamo fatto per il contrasto), una eventuale dominante di colore sulla foto.

Il risultato ottenuto sarà circa il seguente:

Come potete vedere ho ritoccato un po’  tutte le curve ed il risultato è cambiato visibilmente.

Rimozione delle macchie

La rimozione delle macchie è un passo molto semplice e che sicuramente conosciamo tutti.

Consiste nella rimozioni di nei, brufoli e piccole imperfezioni della pelle in modo da rendere la modella perfetta.

Selezioniamo lo strumento  “Pennello correttivo al volo” ed andiamo a cliccare sulle zone da rimuovere tenendo cura di aver selezionato la modalità “In base al contenuto” dalle opzioni del pennello poste in alto (questa funzione è presente dalla versione CS5 in poi, con le versioni precedenti farete un pò più fatica, ma il risultato finale è identico).

Con lo strumento selezionato andiamo ora a cliccare sulle singole parti da rimuovere.

In caso di risultati disastrosi possiamo usare altri 2 pennelli, ovvero:

  • Il pennello correttivo
  • La toppa

Il primo strumento è come quello che abbiamo appena utilizzato, ma tramite la campionatura di un’altra zona da noi scelta, permette di avere risultati più precisi.
Per selezionare la zona da campionare basta tenere premuto il tasto ALT e cliccare sul punto scelto.

In questa foto di esempio possiamo vedere come ho rimosso la macchia rossa sul labbro inferiore del soggetto campionando una parte di labbra adiacente, mentre utilizzando la modalità “al volo” il risultato sarebbe stato inguardabile.

Lo strumento toppa invece permette di fondere 2 aree mantenendo le texture che le compongono, in modo da non avere un risultato troppo piatto, ma in questo caso non ci è servito.

Schiarimento/Cambiamento del colore degli occhi

In questa fase accertiamoci che la foto non abbia l’effetto occhi rossi. Se così non fosse , possiamo usare lo strumento “Occhi Rossi” e andare selezionare semplicemente l’occhio da correggere.

Iniziamo ora a cambiare il colore degli occhi selezionando l’iride (selezionate anche la pupilla) tramite uno degli strumenti di selezione presenti in photoshop (non vi preoccupate se non siete molto precisi).

Tenendo attiva la selezione, creiamo un nuovo livello di regolazione e scegliamo “Tonalità/Saturazione” cliccando sull’apposito tasto nella palette dei livelli (cerchiato di rosso nell’immagine successiva).

Nella mini-maschera che ci appare selezioniamo la voce “Colora” e giochiamo con i colori a nostro piacimento.

Vedremo che al livello di regolazione creato, viene associata una maschera che permette di applicare la modifica solo all’area selezionata precedentemente.

Effettuiamo gli ultimi ritocchi correggendo manualmente le parti che non dovevano essere colorate, cliccando sulla maschera in modo da selezionarla e usando un pennello nero per cancellare le aree non volute (mentre in caso di aree da colorare, possiamo usare il pennello bianco).

In caso di occhi scuri, ripetiamo il passaggio appena descritto, ma nel livello di correzione inferiore aumentiamo la luminosità in modo da schiarire il colore scuro di fondo.

Se il risultato non ci dovesse convincere, creiamo un nuovo livello sopra tutti quelli che abbiamo, e coloriamo con un pennello usando il colore che desideriamo, dopodiché selezioniamo la modalità di fusione “colore” dalla palette dei livelli ed applichiamo una maschera (tramite il pulsante a sinistra di quello cerchiato nella foto precedente) per applicare il colore solo sull’iride dell’occhio.

Altrimenti ripetiamo il cambio di colore alla fine della nostra lezione, in quanto la levigazione della pelle tende a schiarire automaticamente l’iride in modo molto naturale, in questo modo il cambio di colore ci verrà molto semplice.

Correzione delle linee facciali

Dopo aver corretto il colore degli occhi, è buona norma conservare ogni passo da noi fatto (in caso di futuri ripensamenti).

Perciò duplichiamo tutti i livelli e spostiamo una copia in una cartella, mentre l’altra copia dei due livelli la fondiamo insieme, in modo da avere un unico livello su cui lavorare.

Bene ora nascondiamo tutta la cartella dei file archiviati e teniamo visibile solo il livello creato dalla fusione che abbiamo appena eseguito.

Passiamo ora alla correzione dei tratti del visto (o del corpo in caso di immagini full-body), selezionando la funzione “Fluidifica” andando su Filtri -> Fluidifica.

Ricordiamoci di duplicare il livello prima di ogni operazione di modifica in modo da avere sempre un copia.

Nella finestra che ci si apre troveremo molti strumenti con il quale andare a modificare le forme del viso del nostro soggetto.

Come possiamo vedere, tramite il pennello “Piega” abbiamo ridotto il naso della nostra modella e tramite il pennello “Altera Avanti” abbiamo unito maggiormente le labbra ed abbiamo sgonfiato lateralmente il viso.

Levigazione della pelle

Bene, siamo arrivati al “tocco finale” che migliora decisamente ogni foto: La levigazione della pelle.

Molti tutorial spiegano come usando un doppio livello dove il superiore è sfocato, possiamo levigare la pelle della nostra modella.

Questo è anche giusto, ma rischiamo di perdere molti dettagli del viso ed ottenere un fastidioso effetto cartone animato.

Vediamo come fare per rimediare:

Iniziamo duplicando il livello della nostra immagine e impostando il metodo di fusione  di questo nostro nuovo livello su “Luce Vivida”.
Vedremo che la nostra foto diventerà fortemente saturata e scura.

Ora andiamo su Immagine ->Regolazioni -> Inverti e noteremo subito come la nostra immagine non avrà più senso.

Fatto ciò applichiamo una sfocatura all’immagine selezionando Filtri -> Sfocatura -> Controllo Sfocatura e incrementiamo la sfocatura finché non intravediamo i particolari che ci interessano in rilievo sul grigio, come ad esempio le rughe o le lentiggini ecc..

Diamo l’OK ed andiamo su Filtri -> Altro -> Accentua Passaggio.

Selezioniamo ora un valore abbastanza alto da avere una pelle levigata ma al contempo avere dei dettagli visibili (non ci preoccupiamo se il volto ci sembra duplicato).

Bene ora abbiamo levigato tutta l’immagine, ma a noi interessa solo la pelle!

Creiamo quindi una maschera al livello cosi ottenuto, ed applichiamo la levigazione solo nelle parti che ci interessano (quindi niente occhi, niente capelli, niente narici, niente labbra, ecc..).

Questo è il nostro risultato finale (forse ho esagerato con la levigazione finale).

La pelle è stata levigata, abbiamo ridotto le lentiggini e quindi anche la pelle è stata schiarita.

Se l’effetto ottenuto non ci dovesse piacere, possiamo ridurre l’opacità del livello per ridurre la levigazione oppure utilizzare nuovamente le curve per aumentare nuovamente il contrasto della pelle.

Solitamente il percorso di ritocco coinvolge anche la colorazione dei capelli ma trattandosi in quel caso di alterazione dell’immagine, credo non sia il caso di parlarne nel corso di fotografia, in quando l’obiettivo di questo corso era quello di insegnare a scattare foto e correggere i piccoli difetti in post-produzione, senza stravolgere la realtà della foto.

Spero vi siano piaciute tutte le lezioni, vi lascio ora al confronto dell’immagine originale con il nostro risultato finale:

Video

Per qualsiasi dubbio o domanda, vi aspetto nei commenti.



Commenti

  1. […] 20° Lezione – Corso di fotografia – Il ritocco dei ritratti […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: