Come assemblare un PC – Unboxing e Montaggio


Di recente mi sono accorto che il mio pc non riusciva più ad elaborare tutte le mie richieste, partendo dal lavoro e finendo con il gaming.

Perciò ho deciso di rinnovare la mia configurazione hardware e di proporvi un video-tutorial su come assemblare un pc acquistando i pezzi singolarmente.

WP_20140201_01_20_30_Pro

Nel video che vedrete, partiremo dall’unboxing dei vari componenti, per poi passare al montaggio vero e proprio.


Prima di lasciarvi al video però, vorrei mostrarvi su carta la mia configurazione hardware ed indirizzarvi all’acquisto di componenti di buona fattura, adeguati al vostro budget.

La configurazione da me acquistata è:

  • Processore: Intel Core i7 4820k 3.70GHz
  • Scheda Madre: MSI X79A-GD45
  • Dissipatore: Zalman 10X CNPS Perfoma
  • Scheda Video: Sapphire R9 270X 2GB Toxic
  • Case: Aerocool xpredator x1
  • RAM: G.Skill 16GB (4x4GB) 2133MHz CL9

Per una spesa totale di 880€ circa.

Già a mia disposizione, perché recuperati dal vecchio pc, c’erano:

  • 2 Hard disk da 1TB della Western Digital
  • Alimentatore OCZ Fatality da 750W

Parliamo ora di ogni singolo pezzo, e vediamo cosa, come, e perché scegliere un componente in particolare.

Processore

WP_20140131_13_40_47_Pro

Il processore che avevo scelto inizialmente era un i7 4770k, ma purtroppo nelle specifiche aziendali, non vi era il supporto ai banchi di ram quad-channel.
Inoltre, mentre il 4770k è ottimo per il gaming, il 4820k è più indicato per i rendering e quindi per coloro che lavorano con foto e video.

Scheda Madre

WP_20140131_13_40_32_Pro

Scelto il nostro processore, dobbiamo pensare alla sua “casa”!
La scheda madre fa scelta in base all’alloggio supportato dal processore.
Nel mio caso, il processore da me scelto, richiede un alloggio (socket) LGA2011; per tale motivo la nostra scheda madre dovrà avere l’alloggio LGA2011.

Un altro parametro da valutare, è il supporto alle memorie ram ed alla scheda video; perciò avremo cura di controllare che tutti i pezzi siano compatibili tra loro.

Dissipatore

WP_20140130_13_14_39_Pro

Quando utilizziamo processori di una certa potenza, il dissipatore fornito nella confezione del processore potrebbe non bastare.
Perciò acquistiamo un dissipatore ad alto potere di dissipazione, per ottenere temperature più basse.

In questo caso, il potere dissipante lo si può verificare solo cercando dei test su google, stando attenti sempre al parametro della rumorosità della ventola (espresso in db).

Un altro sistema utilizzabile è il raffreddamento a liquido, ma per questa guida vedremo solo quello ad aria.

Ram

WP_20140131_14_59_12_Pro

L’ultimo tipo di RAM in commercio sono le DDR3, ma molti non sanno che non conta solo la dimensione in GigaByte, ma anche la frequenza di lavoro ed i tempi di latenza.

Le frequenze di lavoro solitamente arrivano ai 1600MHz di default, ma tramite una modifica manuale dei parametri, si può portare una ram a frequenze superiori se progettata per tale scopo.

Nel mio caso sono 2133MHz e andranno impostati direttamente dal bios una volta installato; prima però bisogna verificare che la nostra scheda madre supporti la frequenza delle ram da noi scelte.

Per quanto riguarda i tempi di latenza, riguardano i tempi di accesso ai dati nella memoria e comunemente possiamo riconoscere la latenza in lettura dal numero che segue la sigla CL (nel mio caso CL9).

Scheda Video

WP_20140131_13_40_59_Pro

La scheda video è il cuore del pc per un videogiocatore, ed il suo potere di calcolo dev’essere adeguato al pc acquistato.

Per scegliere la nostra scheda video, oltre agli eventuali test specifici che potremo trovare online, dobbiamo valutare frequenze di clock, memoria video, e altri fattori.

Ad esempio nel momento in cui vi sto scrivendo, Nvidia è avanti anni luce sul fattore driver e sul supporto ai software come after effects; ho deliberatamente preso una R9 270X da 2GB di memoria video, perché più indicata per rendering ed applicazioni video rispetto alla concorrenza. C’è da dire che un’ottima GTX 760 di Nvidia potrebbe tenergli testa sul lato gaming, e per tal motivo ho preferito la versione toxic che spinge di più anche sul lato gaming aggiungendo un sistema di raffreddamento migliorato.

Insomma un ottimo compromesso tra qualità, prezzo, e performance.

Attenzione: quando acquistiamo una scheda video, dobbiamo verificare di avere lo slot corretto sulla scheda madre (nel mio caso PCI-Express 3.0) e l’alimentazione ausiliaria necessaria (nel mio caso ben 2 spinotti di alimentazione a 6 pin)

Case

WP_20140131_14_00_48_Pro

Non è necessario se avete già un pc, ma è decisamente gratificante rinnovare completamente anche la veste grafica del vostro nuovo pc.

Scegliete pure il case che più vi piace, stando però attenti che sia compatibile con i pezzi da noi scelti… in particolare:

  • Che la lunghezza adibita alla scheda video, sia abbastanza per alloggiare quella da noi scelta
  • Che l’altezza massima adibita al dissipatore, sia abbastanza per il nostro.

Alimentatore e Hard Disk

psu_fatality_750w_display

In questo caso io non li ho acquistati, ma bisogna valutare anche qui la compatibilità generale dei pezzi.

Nel caso degli hard disk, bisogna valutare di acquistare un SSD.
Io non l’ho acquistato per il semplice motivo che il prezzo è decisamente alto per un disco da 500GB.

Il problema principale è che per ragioni di lavoro, ho applicazioni impossibili da spostare dal disco C, che occupano più di 250GB; il che mi impedisce di acquistare un SSD almeno per il momento.

Riguardo l’alimentatore assicurarsi sempre di avere tutti gli psinotti necessari, come ad esempio i cavi a 6 pin per l’alimentazione ausiliaria della scheda video.

Video

Dopo aver visto tutto l’ambiente da montare, non mi resta che lasciarvi al video.



Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: